Il vincitore è… Denny, bici elettrica innovativa

postato in: innovazione tecnologica | 0

Bici elettrica innovativa è senza dubbio Denny, una bici elettrica prototipale la cui notizia ha fatto rapidamente il giro del mondo, vediamo di capirne meglio le novità, e fare qualche riflessione su quanto sia effettivamente rivoluzionaria e sul rapporto prezzo/valore.

Bici elettrica innovativa Denny

Denny ha vinto il concorso Bike Design Project organizzato da Oregon Manifest un soggetto no profit che ha messo in competizione per sette mesi i designer e i produttori di biciclette di Seattle, Portland, San Francisco, Chicago e New York. Ogni team doveva progettate una bicicletta che fosse adatta per la sua città (ma non solo) e che riuscisse a stimolare i pendolari verso il pedalare, in antitesi al guidare.

Esaminiamone le varie componenti a valore aggiunto che sono state previste per Denny e che ne fanno una bici elettrica innovativa.

Il “manubrio-lucchetto” di questa bici elettrica innovativa

Probabilmente l’elemento più innovativo, è stato pensato sia per offrire una confortevole guida, sia per svolgere il ruolo di lucchetto azionabile in due modi alternativi, entrambi con pochi semplici movimenti: (A) aprendosi e serrandosi sul suo lato destro, oppure (B) tramite uno sgancio rapido rimuovendo completamente il manubrio ed utilizzandolo per affrancare in sicurezza la bici in un’altro punto, come fosse un grande U-lock.

Trasmissione e cambio

Al posto della catena hanno scelto la soluzione della cinghia, optando per un nastro in fibra di carbonio con lo scopo di offrire maggior resistenza, e per risultare più pulito della classica catena. Il cambio è a undici rapporti con ingranaggio interno al mozzo posteriore, altre informazioni di dettaglio non sono state fornite.

Niente parafanghi ma non ci si sporca

Simpatica la soluzione che, secondo i progettisti, rappresenta una valida alternativa ai parafanghi, ovvero uno “spazzolino” in setole di gomma che lavora costantemente sulla gomma tenendola pulita ed evitando che gli spruzzi di acqua/fango arrivino addosso al ciclista.

Motore, batterie, centralina per la pedalata assistita

Non sono stati forniti dati tecnici circa le scelte fatte per questo prototipo in concorso riguardanti motore, batteria e centralina. Come configurazione per il prototipo non hanno scelto quella con motore centrale sull’asse dei pedali bensì quella con motore al mozzo, anteriore in questo caso, e verosimilmente l’azienda che deciderà di produrla farà delle proprie scelte tecnico/commerciali, rivedendo magari in parte anche il design, infatti la batteria che viene mostrata nel prototipo per via delle piccole dimensioni avrà certamente una capacità piuttosto limitata, stanti le tecnologie attualmente disponibili, con conseguenti limitate performance nell’assistenza alla pedalata. Utile come “chicca” la derivazione di una porta USB integrata per caricare comodamente un GPS , uno smartphone oppure un tablet.

Freni, luci e portapacchi

La soluzione studiata dai progettisti è stata quella di integrare organicamente freni e luci nel telaio con gli indicatori di direzione inseriti nel portapacchi anteriore , con il risultato di un’interessante resa stilistica e funzionale.

E il prezzo?

Non è ancora chiaro per Denny, che è una bici elettrica innovativa, con quale costruttore e quando si andrà in produzione di serie, quello che emerge dal progetto del prototipo è che potrebbe costare tra i 3.000 e i 5.000 dollari (2.250 – 3.730 euro al cambio corrente).

Diciamo che non si tratterebbe di un modello alla portata di tutte le tasche, e a nostro avviso potrebbe costare molto meno (dovrebbe, se si puntasse ad un’adozione di massa), stante il costo industriale delle componenti standard e a valore aggiunto che sono state previste nel prototipo, e i volumi commerciali che potrebbero prevedersi.

Certamente le scelte definitive da parte del produttore riguardanti la parte elettrica/elettronica di assistenza alla pedalata incideranno sul costo e sul prezzo finale della bici elettric Denny, l’incidenza potrebbe infatti essere intorno al 40% ma arrivare fino al 70%

Questa bici elettrica innovativa su strada: